Dopo la decisione di chiudere l’ università per 6 mesi presa dalla Corea del Nord, dalla Corea del Sud arrivano altre novità: dal 2015 nelle scuole non verranno più utilizzati i cari e vecchi libri cartacei, ma solo gli ebook che qui in Italia, come in molti altri paesi, non hanno avuto un grande successo.

La fonte della notizia è la Repubblica che scrive:

“La Corea del Sud, patria di colossi dell’elettronica del calibro di Samsung ed Lg, ha deciso di stanziare ben due miliardi e mezzo di dollari (poco più di un miliardo e 600 milioni di euro), per eliminare completamente i testi scolastici tradizionali e sostituirli con ebook entro il 2015.

[...] La notizia, rimbalzata subito sul web, è stata data dal ministro dell’educazione Ju-ho Lee, che intende digitalizzare tutti i volumi per scuole e licei da qui a tre anni. [...]

Per gli studenti che vengono da famiglie con scarsa disponibilità economiche, il ministero ha previsto la fornitura di tablet gratuiti, oltre alla costruzione di un network cloud che permetterà a tutti gli studenti di accedere ai testi anche da casa attraverso una semplice connessione ad Internet. E quindi di poter continuare a studiare anche in caso di malattia o nell’impossibilità di recarsi a scuola a causa di condizioni meteorologiche particolarmente proibitive. Ovviamente tutte le scuole verranno dotate di punti di accesso wi-fi, sempre entro il 2015.”

Che ne dite del progetto coreano? Sareste pronti ad abbandonare i vecchi libri?



Comments Closed

http://lastranabacheca.altervista.org/blog/wp-content/themes/selecta

Blogging Sites